8 settembre 2011


Infortuni: ghiaccio e fisioterapista, quando è ormai troppo tardi…

Ma con stretching e potenziamento muscolare più efficacia alla prevenzione

“Col ghiaccio non si sbaglia mai, ma poi di corsa, ed è proprio il caso di dirlo, dal fisioterapista” è questo il rimedio consigliato dal Professor Massini ai più diffusi traumi del runner: tendiniti, contratture muscolari o la temuta e diffusissima sindrome della bandelletta ileotibiale, più nota col nome di “ginocchio del podista”. Ma poiché prevenire è meglio che curare, il Professor Massini precisa che la maggior parte dei traumi in cui incorrono gli amatori potrebbero essere evitati attraverso un esercizio fisico mirato, in particolare non eliminando mai un po’ di stretching dal proprio allenamento, e curando anche il potenziamento muscolare: balzi, scalinate in salita o esercizi in palestra.

Professor Fulvio Massini, training consultant e consulente dell’Istituto di Medicina dello Sport di Firenze

« Torna indietro